Mercati

Trading Online, tre truffe in rete da evitare

Capita spesso, per chi sogna di guadagnare tanto in poco tempo, di avere fretta nell’agire. Magari ignorando i campanelli d’allarme o non tenendo conto dei sistemi di sicurezza garantiti per evitare di incappare in truffe. Nel trading online la fretta è sempre cattiva consigliera, e la scelta del broker deve essere ben ponderata.

I fattori che possono aiutare un investitore inesperto a scegliere a chi affidare i propri fondi sono diversi. Tra i più importanti di sicuro si possono ricordare le recensioni su internet, le promesse fatte dal broker e soprattutto la registrazione a enti come Cysec e Mifid. Tutte accortezze da non trascurare per chi è alle prime armi. Perché sono diversi i broker che approfittano dell’inesperienza dei neofiti.

Un caso di truffa clamorosa è costituito dal broker Dubay Lifestyle App, che promette di guadagnare fino a 7000 euro al giorno investendone 250. Primo segnale, promessa sproporzionata rispetto alle reali possibilità di un broker. Infatti né CysecMifid registrano il broker nella loro lista. Secondo, presenza di numerose recensioni negative. Infine, ciliegina sulla torta, l’utilizzo di Ashton Kutcher come celebrità garanzia del funzionamento del sistema. Inutile da dire quanto quest’ultima informazione sia falsa, come si può rilevare con una semplice ricerca sulla rete. Nonostante questo, il numero di investitori truffati deve essere piuttosto alto, considerando la quantità di recensioni in rete.

Ha tentato l’imbroglio del secolo OneCoin, che si pubblicizzava come un sistema di criptovaluta. Una sorta di BitCoin di nuova generazione, con la differenza che ha un valore assolutamente nullo. Il suo tentativo non è però passato inosservato, e le diverse segnalazioni (tra cui quella della Consob) hanno ottenuto che OneCoin diventasse illegale. Difficile un finale diverso per un sito che prometteva di guadagnare quasi 3000€ in due anni con un investimento iniziale di circa un centinaio di euro.

APPROFONDIMENTI  Niente più centesimi, dal 2018 addio agli euro più piccoli

Da non prendere in considerazione nemmeno l’offerta di CashFormula, che con pubblicità e popup cerca di convincere gli internauti di possedere la formula della ricchezza. Tanti soldi in poco tempo senza rischi. Una cantilena che ormai abbiamo imparato a conoscere, e non porta mai nulla di buono. Anche in questo caso le recensioni negative e l’assenza negli elenchi Cysec e Mifid bastano come prova del suo valore pressoché nullo. Se avete cento euro che vi avanzano, meglio la beneficenza dei truffatori in rete.

Categories
MercatiPrimo Piano

Leave a Reply

*

*